Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

UN CONVEGNO SU RICOSTRUZIONE E IMPRESA

UN CONVEGNO SU RICOSTRUZIONE E IMPRESA
UN CONVEGNO SU RICOSTRUZIONE E IMPRESA
Venerdì 25 e sabato 26 maggio a Mirandola, presso l'aula magna montalcini

“Fare impresa. Ricostruzione, innovazione, comunità”. E’ il titolo del convegno che si svolgerà a Mirandola venerdì 25 e sabato 26 maggio presso l’aula magna Montalcini di via 29 Maggio, organizzato da Regione Emilia-Romagna e Comune di Mirandola, nell’ambito del Progetto “Centro Documentazione Sisma”.

A sei anni dal sisma, l’iniziativa ha lo scopo di condividere quanto ricostruito dalle imprese, per raccontare come il sistema locale abbia avuto capacità di reazione, progettazione e visione del futuro. Il convegno si prefigge anche di riflettere su fattori specifici della ricostruzione per renderla replicabile e trasferibile anche in altri territori e situazioni d’emergenza.

Si comincia come detto venerdì 25 maggio alle 13.30 con la registrazione dei partecipanti. Alle 14 previsti i saluti istituzionali di Maino Benatti, sindaco di Mirandola. A seguire gli interventi moderati da Alice Sabatini, responsabile comunicazione Radio Pico Mirandola. Alle 14.20 Enrico Cocchi, dirigente Agenzia regionale per la ricostruzione parlerà di: “Dalle tensostrutture al rilancio del sistema produttivo”. Alle 14.40, “Gli interventi per la ricostruzione”: Paola Maccani (Nucleo di valutazione industria e artigianato), Marco Borioni (Nucleo di valutazione commercio, turismo, servizi), Daniele Dosualdo (Nucleo di valutazione agricoltura e agrindustria). Proiezione del filmato “Le imprese ripartono”.

Alle 15.30 tavola rotonda: “La parola ai tecnici” con Fabio Minghini, Università di Ferrara, Roberto Skabic, componente nucleo Inail, Giada Gasparini, Università di Bologna, Sandra Losi, Ordine architetti di Modena, Francesco Pullé, Ordine ingegneri di Modena, Alberto Molinari, Collegio dei Geometri di Modena, Dario De Pascale di Invitalia spa.

Alle 16.30 Focus, “Il database dell’Emilia a servizio degli studi internazionali” a cura di Leonardo Rossi, ricercatore Università di Aquisgrana. Alle 16.45 tavola rotonda: “Ricostruzione e nuovo sistema produttivo” con Paolo Benatti di Cna, Gilberto Luppi di Confartigianato, Gianluca Verasani di Confcooperative/Legacoop, Mauro Bega di Confesercenti, Paola Foschieri di Confcommercio, Eugenia Bergamaschi di Cia/Confagricoltura, Giuseppe Zanardi di Associazione Bancaria Italiana. Alle 17.45 conclusione della prima giornata di Palma Costi, assessore alle Attività produttive e Ricostruzione della Regione Emilia-Romagna. Alle 18 visita al Tecnopolo di Mirandola.

Sabato 26 maggio si comincia alle 9.30 con la registrazione dei partecipanti. Alle 10 saluti istituzionali con il videomessaggio di Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna e commissario delegato per la Ricostruzione del sisma del 2012 e Rudi Accorsi, assessore per il Marketing e la Promozione territoriale dell’Unione Comuni Modenesi Area Nord. Proseguono poi gli interventi moderati da Alberto Nicolini, editore di Radio Pico.

Alle 10.20 introduce l’assessore Palma Costi. Alle 10.40, Morena Diazzi, direttore generale Economia della conoscenza, del lavoro e dell’impresa della Regione Emilia-Romagna, parlerà di “Ricostruzione e innovazione del sistema territoriale”. Alle 11.10 presentazione del Clust-Er Edilizia e Costruzioni a cura di Marco Savoia dell’Università di Bologna. Proiezione del filmato: “Sistema territoriale e comunità per l’innovazione”. Alle 11.40 Annalisa Primi, head, Structural Policies and Innovation Oecd- Development Centre Ocse, interverrà su: “Sistemi territoriali, resilienza e competitività”.

A seguire comunicazione video di Corina Cretu, commissario europeo per la politica regionale. Alle 12.30 “Ricostruzione, coesione e competitività”, introduce e coordina Patrizio Bianchi, assessore a Scuola, Formazione e Lavoro della Regione Emilia-Romagna. Partecipano Stefan Pan, vicepresidente politiche territoriali Confindustria, Vincenzo Colla, segreteria nazionale Cgil e Francesco Profumo, presidente Compagnia di San Paolo.