Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

L'ISOLA NUDA E ABBANDONATA

L'ISOLA NUDA E ABBANDONATA
L'ISOLA NUDA E ABBANDONATA
Visione del film venerdì 12 febbraio ore 11, Aula Magna Montalcini

In occasione del Girono del Ricordo, visione on line di Goli Otok. L'isola nuda e abbandonata (60') di Giulia Rocco, 2015 intervento di Giuliano Albarani , presidente Istituto storico di Modena.

 

Goli Otok è un’isola arida del Golfo del Quarnaro, in Croazia, che dal 1949, dopo la rottura con Stalin, Tito trasforma in luogo di detenzione per oppositori del suo regime, vicini alle posizioni dell’Unione sovietica. Tra questi, molti cittadini italiani che si erano trasferiti in Jugoslavia per partecipare all’”edificazione del socialismo”, ma anche detenuti politici anticomunisti, criminali comuni e anche tanti italiani deportati dall'Istria, da Trieste, Gorizia e Monfalcone.

Uno spaccato della complessa vicenda del confine orientale italiano nel quale si intrecciano le violenze dei totalitarismi nazista e comunista e, nel caso di Goli Otok, emerge con forza il progetto nazionalista della nuova Jugoslavia di Tito.