Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

FASE 2 E 3 RIAPERTURA DELLE ATTIVITA’ ECONOMICHE

FASE 2 E 3 RIAPERTURA DELLE ATTIVITA’ ECONOMICHE
FASE 2 E 3 RIAPERTURA DELLE ATTIVITA’ ECONOMICHE
Riapertura delle attività economiche con successivi step temporali e nel rispetto di appositi protocolli di sicurezza o linee guida adottati con ordinanze del presidente della Regione

Sul sito della Regione Emilia Romagna sono consultabili tutti i Protocolli di sicurezza, che contengono le linee guida ed indicazioni operative a salvaguardia della salute di operatori economici, lavoratori, clienti e persone, permettendo lo svolgimento in sicurezza delle attività stesse e la prevenzione della diffusione del coronavirus.

In merito alle attività di acconciatori, barbieri, estetiste e tatuatori, per tutto il periodo dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione della sindrome da COVID – 19, gli orari di apertura sono stati ampliati con la possibilità di apertura dalle ore 7.00 alle ore 22.00 tutti i giorni, anche domenicali e festivi.

L’orario adottato deve essere esposto in modo ben visibile dall’esterno (quindi sulla vetrina d’accesso all’esercizio stesso), con il numero di telefono per effettuare la prenotazione.

Ad integrazione dei protocolli regionali relativi all’attività svolta dagli esercizi di somministrazione alimenti e bevande, strutture ricettive ed altri esercizi aperti al pubblico:

a) “Non sono ammesse le attività per le quali non è possibile garantire puntuale e accurata    sanificazione dei materiali e/o distanza minima di 1 metro o per le quali sono previsti espressi divieti da parte di disposizioni nazionali/regionali. Tra queste, a titolo esemplificativo: gioco delle carte, giochi da tavolo, biliardino (calciobalilla), giochi di ruolo”;

b) “È vietato mettere a disposizioni giornali e riviste per un uso promiscuo da parte della clientela”;

 

Ad integrazione delle linee guida regionali per cinema, circhi e spettacoli dal vivo:

a) “Gli spettatori devono indossare la mascherina dall’ingresso fino al raggiungimento del posto (per i bambini valgono le norme generali) e comunque ogni qualvolta ci si allontani dallo stesso, incluso il momento del deflusso;”

b) “Per spettacoli sia al chiuso che all’aperto il numero massimo di spettatori è determinato dal numero di spettatori della capienza autorizzata per ciascuna sala, cinema, teatro, circo, auditorium, arena, ecc. dalle CPVLPS e dalle vigenti normative della prevenzione incendi, decurtato dal numero di sedute non utilizzabili al fine di garantire i criteri di riorganizzazione degli spazi necessari a garantire il distanziamento tra gli spettatori”;

 

A parziale modifica ed integrazione del Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS CoV-2 in relazione allo svolgimento in sicurezza DEGLI ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA E DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE in Emilia-Romagna, le misure ivi previste in merito all’utilizzo dei guanti monouso da parte della clientela sono sostituite con la seguente disposizione:

“Nel caso di vendita di abbigliamento o di acquisti di altri prodotti con scelta in autonomia e manipolazione del prodotto da parte del cliente dovranno essere messi a disposizione della clientela guanti monouso da utilizzare obbligatoriamente oppure, in alternativa, dovrà essere resa obbligatoria la disinfezione delle mani prima della manipolazione della merce”;

 

A parziale modifica ed integrazione dei Protocolli di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS CoV-2 in relazione allo svolgimento in sicurezza delle STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE e delle STRUTTURE RICETTIVE ALL’ARIA APERTA in Emilia-Romagna le misure ivi previste sono integrate con la seguente disposizione:

“Il distanziamento interpersonale non si applica ai membri dello stesso gruppo familiare o di conviventi, né alle persone che richiedano di alloggiare nella medesima camera o nello stesso ambiente per il pernottamento (unità abitativa etc.), né alle persone che in base alle disposizioni vigenti non sono soggetti al distanziamento interpersonale (detto ultimo aspetto afferisce alle responsabilità individuale)”;

 

A parziale modifica del Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS CoV-2 in relazione allo svolgimento in sicurezza delle STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE E ALTRE TIPOLOGIE RICETTIVE in Emilia-Romagna la misura prevista al paragrafo 3 della Sezione B) in merito al distanziamento dei

letti nelle strutture composte da camere con posti letto destinati ad utilizzo di clienti diversi (uso promiscuo), è sostituita con la seguente disposizione:

“nelle camere, salvo in caso di presenza di unico nucleo di persone che non siano tenute al distanziamento, deve essere garantito il distanziamento interpersonale di almeno un metro, con una distanza tra letti di 1,5 metri. Detta misura non trova applicazione tra appartenenti al medesimo nucleo familiare o comunque soggetti che non siano tenuti al distanziamento interpersonale in base alle vigenti disposizioni (detto ultimo aspetto afferisce alle responsabilità individuale)”;

 

Per le sale slot, sale giochi, sale bingo e sale scommesse, la ripresa delle attività è prevista a far data dal 19 giugno 2020 nel rispetto delle misure di sicurezza stabilite nell’ordinanza Regionale n.113 del 17/06/2020.

 

Con successiva ordinanza saranno disciplinate le linee guida da rispettare ai fini della ripresa delle attività degli eventi fieristici all’interno dei quartieri fieristici a far data dal 15 luglio 2020