Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

EMERGENZA CORONAVIRUS COSA CAMBIA NEI SERVIZI AIMAG

EMERGENZA CORONAVIRUS COSA CAMBIA NEI SERVIZI AIMAG
EMERGENZA CORONAVIRUS COSA CAMBIA NEI SERVIZI AIMAG
Centri raccolta aperti solo alle imprese e chiusi ai cittadini. Casi di quarantena o isolamento e conferimento rifiuti

AIMAG ha disposto ulteriori azioni di restrizione per i Centri di raccolta: misure che saranno in vigore da giovedì 26 marzo 2020. I Centri di raccolta saranno aperti, con numero di sedi e orari ridotti, alle sole utenze non domestiche (imprese), per garantirne le esigenze lavorative.  Per tutto il periodo disposto dalla normativa nazionale, regionale e locale che limita la mobilità delle persone, i cittadini sono invitati dunque a non recarsi ai centri di raccolta, chiusi per ogni attività di conferimento, rimandando la consegna di queste tipologie di rifiuti a quando sarà rientrata l’emergenza sanitaria e si potrà accedere ai servizi non rischiando di incorrere in sanzioni per spostamenti che non hanno oggettive ragioni di necessità.

 

Raccolta differenziata per le utenze in cui ci sia un soggetto positivo al Coronavirus o in quarantena.

In ottemperanza al Decreto della Regione Emilia Romagna n. 43 del 20/03/2020, AIMAG istituisce dal 23 marzo, in tutti i Comuni gestiti – e quindi anche in quello di Mirandola - un servizio dedicato e gratuito di raccolta porta a porta dei rifiuti urbani provenienti dalle abitazioni dove soggiornano i soggetti:

• POSITIVI AL TAMPONE IN ISOLAMENTO;

• IN QUARANTENA OBBLIGATORIA.

Per le abitazioni in cui sono presenti tali soggetti, la raccolta differenziata è interrotta e tutti i rifiuti domestici prodotti dal soggetto positivo e dal suo nucleo familiare, sono considerati indifferenziati e devono essere gestiti mediante servizio dedicato.

Sarà la AUSL di riferimento ad informare i soggetti interessati sul servizio AIMAG da contattare.

QUI l'ordinanza regionale