Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

ECCO IL MEMORIA FESTIVAL

ECCO IL MEMORIA FESTIVAL
ECCO IL MEMORIA FESTIVAL
Dal 9 al 12 giugno a Mirandola con tanti appuntamenti e ospiti illustri

Non c'è futuro senza memoria. E solo conoscendo la propria storia si può capire come rinnovarsi restando fedeli a se stessi. È questo lo spirito alla base di un nuovo e imperdibile appuntamento culturale in programma dal 9 al 12 giugno  a Mirandola: la prima edizione del Memoria Festival - promosso dal Consorzio per il Festival della Memoria in collaborazione con Giulio Einaudi editore. Un’occasione di rinascita per la città colpita nel 2012 dal violento terremoto che ha causato diverse vittime e danneggiato tanti edifici storici e industriali. La città si sta risollevando anche grazie alla propria storia millenaria (è menzionata per la prima volta in un placito del 1102) e al ruolo da sempre centrale della memoria, di cui era maestro il suo cittadino più illustre – Pico.

 

Il Memoria Festival inviterà dunque il pubblico a partecipare a un viaggio fra le infinite sfaccettature della memoria, in un caleidoscopio di stimoli composto da decine di incontri, conferenze, tavole rotonde, concerti, spettacoli, proiezioni, workshop, laboratori, mostre, giochi. Le piazze, i portici, i giardini e i palazzi della città offriranno atmosfere diverse e suggestive a ciascun appuntamento, partecipando essi stessi ad arricchirne i contenuti quali testimoni della memoria e del nuovo volto di Mirandola.

 

Come la mente si espande per associazioni, passando da un ricordo all'altro, così il Memoria Festival si svilupperà attraverso una struttura a cerchi tematici, ciascuno dedicato a un aspetto, un'interpretazione, una suggestione scaturita dalla memoria. Tra riflessione e svago, il Festival offrirà la possibilità di incontrare, ascoltare e confrontarsi con numerosi protagonisti italiani della cultura, del pensiero, dello spettacolo. L'esplorazione e la narrazione del ricco universo della memoria saranno affidate, tra gli altri, a scrittori come Gianrico Carofiglio,Melania Mazzucco (che racconterà la vita del filosofo e umanista Giovanni Pico, il mirandolese più famoso della storia), Michela Murgia e Francesco Piccolo, poeti come Valerio Magrelli, giornalisti (Corrado Augias, Francesco Merlo,Benedetta Tobagi), storici (Alberto Melloni, Paul Ginsborg, Marco Revelli), matematici (Claudio Bartocci, Piergiorgio Odifreddi), chef e promotori delle tradizioni enogastronomiche (Carlo Petrini), cantautori e musicisti (Roberto Vecchioni, Uto Ughi), fotografi (Gianni Berengo Gardin, Ferdinando Scianna),personaggi televisivi (Michele Mirabella) e personaggi impegnati nel sociale (Luigi Ciotti). Ai dialoghi e alle lectio, concentrati in particolare nelle ore diurne, seguiranno momenti più orientati verso l'intrattenimento, come i concerti del jazzista Danilo Rea (la sera di venerdì 10 giugno), dell'Orchestra Popolare La Notte della Taranta (sabato 11 giugno) e lo spettacolo La buona novella di David Riondino (domenica 12 giugno). Una mirata rassegna di proiezioni permetterà di recuperare dal forziere del Novecento indimenticabili capolavori del cinema muto, quali Metropolis di Fritz Lang e Il grande dittatore di Charlie Chaplin, assieme a titoli più recenti come Storia di ragazzi e ragazze di Pupi Avati, Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore e Viaggi di nozze di Carlo Verdone (i tre registi saranno ospiti del Festival per un ciclo di appuntamenti dedicati a “cinema e memoria”). Uno spazio rilevante sarà inoltre riservato ai laboratori e ai giochi per ragazzi, a conferma dell'universalità del tema della memoria, che fin dall'infanzia svolge un ruolo centrale nella formazione dell'identità individuale.

L’organizzazione del Memoria Festival si avvale della collaborazione di un comitato scientifico, presieduto dal direttore editoriale di Einaudi Ernesto Franco (letteratura) e composto da Lina Bolzoni (filosofia, arte della memoria), Gian Piero Brunetta (cinema), Sandro Cappelletto (musica, teatro e spettacolo), Francesco Dal Co (architettura, urbanistica), Alberto Melloni (storia, religione), Marino Niola (antropologia, tradizione enogastronomica), Alberto Oliverio (medicina, biologia) e Angelo Varni (storia).

Scarica il Programma di MemoriaFestival

Visita il sito Memoria Festival