Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

CAPODANNO E BOTTI SI INVITA AD ESSERE RESPONSABILI

CAPODANNO E BOTTI SI INVITA AD ESSERE RESPONSABILI
CAPODANNO E BOTTI SI INVITA AD ESSERE RESPONSABILI
Invito

Festeggiamenti di fine anno: un invito alla responsabilità da parte dell'UCMAN 

CAPODANNO: FESTEGGIAMENTO SENZA BOTTI

Premesso che in occasione delle imminenti festività di fine anno è consuetudine utilizzare per divertimento petardi e fuochi pirici, i quali possono rappresentare un potenziale rischio per l’incolumità pubblica e la sicurezza di bambini e adulti dal momento che assistiamo ogni anno a incidenti con esiti gravi e gravissimi, soprattutto a danno dei più giovani;

Ritenuto che l’esplosione di petardi e giochi pirici possono determinare conseguenze negative anche a carico degli animali domestici e selvatici, in quanto il fragore dei botti ingenera in loro spavento e perdita dell’orientamento, esponendoli al rischio di smarrimento e/o investimento con eventuali incidenti stradali;

Considerato che, anziché emettere ordinanze “anti botti” di difficile applicazione, riteniamo più efficace fare appello alla responsabilità e al necessario rispetto che si deve nei confronti delle persone che percepiscono disagio o insicurezza all’esplosione dei botti;

Pertanto: si fa appello alla responsabilità 

dei cittadini dei nostri Comuni a non fare alcun uso di petardi e giochi pirici, in particolar modo nelle vicinanze di ospedali, case di riposo e di cura per anziani e nelle vicinanze di animali o di allevamenti, nel rispetto del luogo pubblico o privato in cui ci si trova e

invitiamo

coloro che ancora non rinunciano a questa pratica ad utilizzare esclusivamente materiale pirico di vendita legale che rispettino i rigorosi standard costruttivi necessari all’immissione sul mercato e a non mettere mai in pericolo persone o animali.

Dimostriamo

che i cittadini dei comuni di Camposanto, Cavezzo, Concordia sulla Secchia, Medolla, Mirandola, San Felice sul Panaro, San Possidonio e San Prospero possono essere di esempio, come in altre occasioni, e che il nostro territorio è un luogo civile e rispettoso e che non può essere la sola repressione a determinare il nostro comportamento.

 

Comune di Finale Emilia - Sindaco Sandro Palazzi  - Comune di Camposanto - Sindaco Monja Zaniboni

Comune di Cavezzo - Sindaco Lisa Luppi - Comune di Concordia - Sindaco-Luca Prandini

Comune di Medolla - Sindaco Alberto Calciolari – Comune di Mirandola - Sindaco Alberto Greco 

Comune di San Felice sul Panaro - Sindaco Michele Goldoni - Comune di San Possidonio - Sindaco Carlo Casari

 Comune di San Prospero - Sindaco Sauro Borghi