Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

ARRIVA SARAH-JANE MORRIS

ARRIVA SARAH-JANE MORRIS
ARRIVA SARAH-JANE MORRIS
“Bloody Rain” è il nuovo spettacolo che Sarah-Jane Morris presso l’Aula Magna Rita Levi Montalcini

“Bloody Rain” è il nuovo spettacolo che Sarah-Jane Morris porterà in scena, domenica 20 dicembre alle ore 21, presso l’Aula Magna Rita Levi Montalcini di Mirandola.

Dopo il teatro della parola con Ascanio Celestini sarà dunque la musica a essere protagonista assoluta del quarto appuntamento della ricca stagione teatrale 2015-2016 di Mirandola. Un’esibizione composta da canzoni caratterizzate da un legame con l’Africa nei ritmi, nelle melodie e nei testi, che affrontano tematiche riguardanti i diritti umani, l’amore, la paura e la libertà.

Il percorso musicale della cantante inglese è da sempre fortemente influenzato dalla storia e dalla musica del continente africano. Se nei primi anni ‘80 si esibì con la band ghanese “Fufu and Light Soup” e con il gruppo afro-caraibico “The Republic” successivamente, con i 21 ottoni The Happy End”, ha esplorato canzoni di protesta africane, irlandesi e latino-americane. I brani di “Bloody Rain”, scritti con i collaboratori di sempre Tony Remy, Dominic Miller e Martyn Barker, fanno parte di una proposta che nasce come celebrazione della vita e, sebbene fortemente influenzata dai ritmi e dalle melodie africane, non vuole essere un’imitazione dello stile musicale africano, ma piuttosto coglierne lo spirito.

Le canzoni sono state pubblicate in un disco, uscito in Italia per l’etichetta Sony. 

Sebbene Morris abbia conquistato la scena pop degli anni Ottanta con un disco di successo, la briosa “Don’t Leave Me This Way” e possa ancora esibirsi dinamicamente come cantante pop, il suo obiettivo è sempre stato quello di raggiungere storie più profonde, che ha più volte narrato con una voce insieme imponente e immediata, spesso paragonata a quelle di Nina Simone e di Janis Joplin.

Il nuovo progetto di questa straordinaria artista intende dunque celebrare il popolo africano, del passato e del presente, la cui musica ed esempio le hanno fatto da guida nella vita, senza idealizzare l’Africa moderna nascondendo dietro ad un velo le sue contraddizioni.

L'appuntamento successivo, che andrà a inaugurare il 2016, sarà, mercoledì 20 gennaio, quello con la celebre coppia di attori Ottavia Piccolo e Silvano Piccardi, protagonisti di “Enigma – niente significa mai una cosa sola”, nel quale gli spettatori verranno condotti nella Berlino del 2009, vent’anni dopo la caduta del Muro.  

Rimandiamo, per ulteriori informazioni, alla pagina Facebook Aula Magna Rita Levi Montalcini.

Posto unico 10  euro (adulti), 5 euro (fino ai 14 anni).