Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

Lampade votive

E’ possibile richiedere per tutte le sepolture, anche quelle in fossa, qualora fossero raggiungibili dagli impianti elettrici esistenti, l’allacciamento della tomba all’illuminazione votiva.

Una volta pervenuta una richiesta di allacciamento, da farsi in forma scritta in marca da bollo da Euro 16,00 all'Ufficio cimiteriale, il Comune, tramite il concessionario dei servizi cimiteriali, assicura che questo venga effettuato entro un periodo massimo di 60 giorni, dal montaggio della lapide o di altri manufatti funebri.

In alternativa i famigliari sono autorizzati a posizionare sulle sepolture sistemi di illuminazione a batteria od energia solare, che non creino un ingombro superiore a quello previsto per le lapidi o coperture, curandone autonomamente il funzionamento; in questo caso nulla è dovuto al Comune.

Le tariffe per la gestione del servizio sono uguali per tutti i cimiteri sia per i loculi che per le fosse, sono stabilite dal­la Giunta Comunale e sono così previste:

  1. una tariffa annuale, da pagarsi anticipatamente per l’anno successivo e per intero, anche relativamente all’ultimo anno di concessione o di inumazione. Il pagamento dovrà iniziare l’anno successivo a quello di allacciamento e concludersi l’anno precedente all’ultimo anno di concessione o inumazione.
  2. Una tariffa unica per il tempo della durata della concessione, o per il periodo restante della concessione, da pagarsi per intero; tale canone non potrà comunque avere una durata inferiore ad anni 15 e superiore ad anni 30 e, qualora vi fosse necessità di un nuovo allacciamento, deve essere comprensivo del contributo fisso di allacciamento;
  3. un contributo fisso per l'allacciamento, accessori compresi, da pagarsi una sola volta; se l’utente opta per la tariffa annuale il contributo iniziale dovrà comprendere la tariffa per l’anno in cui avviene l’allacciamento e per l’anno successivo.

Le tariffe di cui ai punti 1 e 2 sono comprensive:

  • del consumo di energia elettrica, fatte salve le even­tuali interruzioni a seguito di guasti od altri inconvenienti dovuti a cause di forza maggiore;
  • della sostituzione delle lampade bruciate;
  • della manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti;
  • dell’iva di legge;
  • delle spese di gestione amministrativa, contabile e spese postali nel caso di secondo od altri avvisi di pagamento;
  • del ripristino dell'allacciamento della lampada, quando questo sia inter­rotto a causa di operazioni funebri, fatte salve le eventuali spese per la rimozione delle lapidi che rimarranno a carico dell'utente;
  • dei cambi di indirizzo o variazioni all'archivio utenti.

Il servizio delle lampade votive è gestito dal concessionario dei servizi cimiteriali.

Si avvisa che eventuali allacciamenti abusivi alla rete cimiteriale dell'illuminazione votiva, sono sanzionati a carico del concessionario della sepoltura, con una multa da euro 25,00 ad euro 500,00, con pagamento in misura ridotta pari a 200,00 euro.