Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

Procedimenti dell'Ufficio POLIZIA MORTUARIA e UFFICIO CIMITERIALE: riferimenti normativi e termini per la conclusione

Nela presente sezione sono riportati tutti i procedimenti riferibili all'Ufficio di Polizia mortuaria e Ufficio cimiteriale, suddivisi per: Ufficio, denominazione, riferimenti normativi, tipologia di istanza per attivare il procedimento, modalità di conclusione del procedimento, termine massimo per la conclusione del procedimento.

Il Responsabile del procedimento amministrativo

Le pubbliche amministrazioni italiane sono tenute a stabilire per ciascun tipo di provvedimento relativo ad atti di propria competenza, l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria e di ogni altro adempimento procedimentale, nonché dell'adozione del provvedimento finale.

È il dirigente dell'unità organizzativa interessata che assegna a sé, oppure ad un altro dipendente pubblico, il ruolo di responsabile del procedimento amministrativo. L'obbligo di individuazione del responsabile del procedimento rientra all'interno delle situazioni di vantaggio insopprimibili, ricomprese tra i LEP (livelli essenziali di prestazioni), di cui all'art. 117, co. 2, lett. m della Costituzione. e dunque la figura del responsabile del procedimento ha lo scopo di migliorare i rapporti della pubblica amministrazione con i cittadini e le imprese.

Sulla base di questo principio, per ogni procedimento amministrativo deve essere individuato il responsabile, il cui nominativo deve essere comunicato a tutte le parti interessate, e a cui sono demandati i seguenti compiti:

  • curare l’istruttoria del procedimento, valutando le condizioni di ammissibilità, i requisiti di legittimazione ed i presupposti rilevanti per l’emanazione di un provvedimento;
  • accertare di ufficio i fatti, disponendo il compimento degli atti all’uopo necessari;
  • adottare ogni misura per l’adeguato e sollecito svolgimento dell’istruttoria, anche proponendo l’indizione o, avendone la competenza, indicendo direttamente le conferenze di servizi;
  • curare le comunicazioni, le pubblicazioni e le modificazioni previste dalle leggi e dai regolamenti;
  • adottare, ove ne abbia la competenza, il provvedimento finale, ovvero trasmette gli atti all’organo competente per l’adozione, non senza precisare che l’organo competente per l'adozione del provvedimento finale, ove diverso dal responsabile del procedimento, non può discostarsi dalle risultanze dell’istruttoria condotta dal responsabile del procedimento se non indicandone la motivazione nel provvedimento finale’’.

Nei Servizi Demografici ogni fase prima descritta, compresa l'adozione del provvedimento finale, può essere esercitata dagli ufficiali di anagrafe, stato civile, o dai funzionari appositamente delegati o ncaricati dal Sindaco o dal dirigente. Referente del Servizio per ogni informazione inerente i procedimenti è il Responsabile del Servizio.

L'Ufficio cimiteriale è gestito da personale della Cooperativa sociale BARBARA B, che dal 1° gennaio 2017 ha in gestione l'appalto dei servizi cimiteriali del Comune.

I termini dei procedimenti

Il termine del procedimento, per le amministrazioni statali, ove non sia già indicato dalla legge, è stabilito con decreto del Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro competente e sentito il Ministro della funzione pubblica. In mancanza il termine è fissato dalla legge 241/1990, come modificata dalla legge 69/18 giugno 2009, in 30 giorni.
Tale termine può essere sospeso per l'acquisizione di valutazioni tecniche di organi o enti appositi, ma per un periodo massimo comunque non superiore a ulteriori 30 giorni (art.2, c.7, della L. n.241/1990). I termini del procedimento, inoltre, possono essere sospesi, per una sola volta, ove l'amministrazione debba acquisire informazioni e certificazioni inerenti a stati e qualità non attestati in documenti in suo possesso e non direttamente acquisibili presso altre amministrazioni.

Gli strumenti di tutela per i cittadini

Per gli strumenti di tutela per i cittadini vedi la sezione ad essa dedicata.

I procedimenti dell'Ufficio

Da ogni procedimento è possibile risalire alla pagina del presente sito dove viene descritto:

  • l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria
  • l'ufficio del procedimento, unitamente ai recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale
  • ove diverso, l'ufficio competente all'adozione del provvedimento finale, con l'indicazione del nome del responsabile dell'ufficio unitamente ai rispettivi recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale
  • le modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardino
  • le modalità per l'effettuazione dei pagamenti eventualmente necessari, con i codici IBAN identificativi del conto di pagamento,
  • atti e documenti da allegare all'istanza e modulistica necessaria, compresi i fac-simile per le autocertificazioni
  • uffici ai quali rivolgersi per informazioni, orari e modalità di accesso con indicazione degli indirizzi, recapiti telefonici e caselle di posta elettronica istituzionale a cui presentare le istanze.

ELENCO DEI PROCEDIMENTI

DENOMINAZIONE PROCEDIMENTORIFERIMENTI NORMATIVI E  DOCUMENTAZIONE RICHIESTAINDIVIDUAZIONE TIPO ISTANZA CHE ATTIVA IL PROCEDIMENTOMODALITA CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTOTERMINE MASSIMO (GIORNI)

Ceneri. Affidamento urna cineraria

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

Delibera della Giunta Regione Emilia Romagna n. 10 del 10 gennaio 2005 e n. 1622 del 13 ottobre 2008Istanza di parte  non prima di 24 ore dal decessoRilascio dell'autorizzazione3 gg. dalla richiesta

Ceneri. Autorizzazione alla dispersione delle ceneri

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

Delibera della Giunta Regione Emilia Romagna n. 10 del 10 gennaio 2005 e n. 1622 del 13 ottobre 2008Istanza di parte  non prima di 24 ore dal decessoRilascio dell'autorizzazione3 gg. dalla richiesta

Ceneri. Autorizzazione alla dispersione delle ceneri sul territorio comunale

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

Regolamento comunale di Polizia MortuariaIstanza di parteRilascio autorizzazione 30 gg. dalla richiesta

Ceneri. Autorizzazione al trasporto

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

Delibera della Giunta Regione Emilia Romagna n. 10 del 10 gennaio 2005 e n. 1622 del 13 ottobre 2008; Regolamento comunale di Polizia MortuariaIstanza di parteRilascio autorizzazione3 gg. dalla richiesta

Concessioni cimiteriali. Decadenza

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

Regolamento comunale di Polizia MortuariaD'ufficioProvvedimento di decadenza della concessioneNon prima di 120 gg. dall'avvio del procedimento

Concessioni cimiteriali. Revoca

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

Regolamento comunale di Polizia MortuariaD'ufficioProvvedimento di revoca della concessioneNon prima di 120 gg. dall'avvio del procedimento

Concessioni cimiteriali. Richiesta

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

Regolamento comunale di Polizia MortuariaIstanza di parte (da presentarsi all'Ufficio cimiteriale)Rilascio del contratto di concessione cimiterialeIl contratto viene rilasciato entro 30 gg.dal pagamento della concessione

Concessioni cimiteriali. Rinuncia

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

Regolamento comunale di Polizia Mortuaria, Delibera del Consiglil Comunale del 9 aprile 2014 n.52Istanza di parte (da presentarsi all'Ufficio cimiteriale)La presentazione dell'istanza comporta la decadenza del contratto a seguito della formale accettazione da parte dell'Amministrazione comunaleEntro 30 gg. dalla richiesta

Corteo funebre. Autorizzazione al corteo funebre

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

Regolamento comunale di Polizia Mortuaria, Delibera del Consiglil Comunale del 9 aprile 2014 n.52Istanza non oltre le 24 ore dalla cerimonia funebreRilascio autorizzazione unitamente al rilascio dell'autorizzazione al trasporto funebreRilascio “a vista”

Cremazione. Autorizzazione alla cremazione

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396. d.P.R. 30 settembre 1990, n. 285. L. Regione Emilia RomagnaIstanza di parte  Compilazione e rilascio dell'autorizzazione non prima di 24 ore dal decesso Rilascio “a vista”

Illuminazione votiva. Richiesta allacciamento, variazioni di intestatario, distacco illuminazione votiva

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

Regolamento comunale di Polizia Mortuaria, Delibera del Consiglil Comunale del 9 aprile 2014 n.52Istanza di parte (da presentarsi all'Ufficio cimiteriale)La presentazione dell'istanza comporta l'attivazione, la variazione o il distacco dell'allacciamentoAllacciamento entro 60 giorni dall'istanza. Le variazioni di intestazione vengono effettuate entro 30 giorni dalla richiesta. I distacchi dell'utenza verranno effettuati entro il 31 dicembre dell'anno di richiesta.

Operazioni cimiteriali (esumazione, estumulazione, traslazione). Richiesta

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

d.P.R. 30 settembre 1990, n. 285; Regolamento comunale di Polizia Mortuaria,Istanza di parte (da presentarsi all'Ufficio cimiteriale)Esecuzione dell'operazione cimiterialeI tempi per l'esecuzione dell'operazione cimiteriale sono variabili e dipendono da una serie di fattori, quali: dipendono dal tipo di operazione, dalla collocazione e stato della sepoltura, dalla destinazione del cadavere, resti o ceneri, dalle condizioni atmosferiche, ecc..

Passaporto mortuario per estradizione cadavere

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396. d.P.R. 30 settembre 1990, n. 285, convenzione di Berlino del 10.2.1937Istanza di parte  Compilazione e rilascio del documento non prima di 24 ore dal decesso5 gg. dalla richiesta

Permesso di sepoltura. Rilascio di permesso di sepoltura

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396. d.P.R. 30 settembre 1990, n. 285Istanza di parte (di norma: l'impresa funebre)  o d'ufficio nei casi di cui all'art 50 d.P.R. 285/90Compilazione e rilascio del permesso non prima di 24 ore dal decesso Rilascio “a vista”

Sanzioni alle violazioni del Regolamenti di Polizia Mortuaria

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

d.P.R. 30 settembre 1990, n. 285; Legge Regione E.R. n. 19/2004; Delibera della Giunta Regione Emilia Romagna n. 10 del 10 gennaio 2005 e n. 1622 del 13 ottobre 2008; Regolamento comunale di Polizia Mortuaria; Regolamento comunale di Polizia MortuariaD'ufficioComunicazione della contestazione della violazioneEntro 30 gg. dalla rilevazione della violazione

Trasporto di cadavere e resti mortali. Rilascio autorizzazione trasporto cadavere

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396. d.P.R. 30 settembre 1990, n. 285Istanza di parte (di norma: l'impresa funebre) Compilazione e rilascio dell'autorizzazione non prima di 24 ore dal decesso Rilascio “a vista”

Trasporto di cadavere. Rilascio autorizzazione trasporto cadavere in feretro non sigilllato

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396. d.P.R. 30 settembre 1990, n. 285, convenzione di Berlino del 10.2.1937, L. Regionale Emilia Romagna del 4 maggio 1982 n.19, Determinazione della Regione Emilia-Romagna n. 13871/2004 come integrata dalla Determinazione n.4693/2009, Delibera della Giunta Comunale n. 99/2014Istanza di parte (di norma: l'impresa funebre), prima che avvenga il trasportoCompilazione e rilascio dell'autorizzazioneRilascio “a vista”, o comunque non appena l'istanza pervieneal funzionario responsabile del rilascio dell'autorizzazione

Autocertificazioni: controlli

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

d.P.R. 445/2000Istanza di parte sia da parte di soggetti pubblci che privatiProduzione di idonea attestazione o comunicazione dell'esito del controllo3 gg. dalla richiesta

Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà: controlli

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

d.P.R. 445/2000Istanza di parte sia da parte di soggetti pubblci che privatiComunicazione dell'esito del controllo10 gg. dalla richiesta

Elenchi anagrafici, liste elettorali, altri elenchi nominativi. Rilascio

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396 – d.P.R. 30 maggio 1989, n. 223 - d.P.R. 20 marzo 1967, n. 223 – d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 – d.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 – d.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82 (CAD) Delibera C.C. n. 8 del 12.2.2008Istanza di parte, o d'ufficio per disposizione di Legge Estrazione dei dati e rilascio dell'elenco anche tramite invio al recapito indicato dal richiedente30 gg. dal ricevimento della richiesta

Esercizio del potere di sostitutivo in caso di inerzia

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

Art. 2, comma 9-bis della Legge 7 agosto 1990 n. 241 e s.m.i. - Art. 5, co. 4, del D.Lgs. 33/2013istanza di parteEmanazione del provvedimento richiesto30 gg. dal ricevimento della richiesta

Statistiche varie. Rilascio

PER VISUALIZZARE IL PROCEDIMENTO CLICCA QUI

d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396 – d.P.R. 30 maggio 1989, n. 223 - d.P.R. 20 marzo 1967, n. 223 – d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 – Disposizioni ISTATIstanza di parte, o d'ufficio per disposizione di Legge Estrazione e rilascio dei dati anche tramite invio al recapito indicato dal richiedente30 gg. dal ricevimento della richiesta