Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

Elezioni del 26 Maggio 2019

Elezioni del 26 maggio 2019 per il rinnovo del Parlamento Europeo, e per il rinnovo del Sindaco e del Consiglio Comunale
Il 26 maggio si terranno le elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo. Nella stessa data, presumibilmente, si terranno anche le elezioni per il rinnovo del Sindaco e del Consiglio Comunale, con eventuale turno di ballottaggio il 9 giugno 2019.
Presentazione di liste e candidati alle elezioni comunali
In questa pagina sono presenti istruzioni e materiali per la presentazione di liste e candidati per l'elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale ad uso dei soggetti che intendono partecipare alle elezioni comunali del 26 maggio 2019
Manifesti di convocazione dei comizi elettorali
Di seguito si riportano i manifesti di convocazione dei Comizi elettorali per le elezioni Europee e Comunali del 26 maggio 2019
Il voto in Italia dei cittadini dell'Unione Europea residenti a Mirandola
I cittadini dell'Unione Europea residenti in Italia possono votare nel Comune di Residenza. In particolare: in occasione delle Elezioni europee possono votare per i rappresentanti italiani al Parlamento Europeo; in occasione delle Elezioni Amministrative possono votare per il rinnovo degli organi del Comune (Sindaco e Consiglio Comunale).
Elezioni Europee - Il voto cittadini italiani residenti all’estero o, temporaneamente all’estero
I cittadini italiani residenti all’estero o, temporaneamente all’estero sono, in quanto cittadini italiani e comunitari, elettori del Parlamento europeo, ma le modalità di partecipazione al voto variano a seconda della residenza all’interno o all’esterno dei paesi UE.
La Tessera elettorale
La TESSERA ELETTORALE si presenta in formato cartaceo, su cartoncino chiaro sia per gli uomini che per le donne. Su di essa sono riportati i dati relativi alle circoscrizioni elettorali per tutti i tipi di votazione, i dati anagrafici dell’elettore, il suo indirizzo, il numero e l’ubicazione della sezione dove l’elettore può recarsi a votare.
In quale seggio posso andare a votare?
Nella tabella sono riportate le vie del Comune e le corrispondenti sedi dei seggi elettorali dove gli elettori devono recarsi ad esercitare il diritto elettorale. Ogni elettore, sulla base del proprio indirizzo di residenza, può verificare quale sia la sede del proprio seggio elettorale. Qualora sulla Tessera elettorale fosse riportato un indirizzo diverso di residenza, o una sede di seggio elettorale che non coincide con quella riportata sulla Tessera elettorale, deve rivolgersi all'Ufficio Elettorale.
Come vengono nominati gli scrutatori di seggio elettorale
Gli scrutatori di seggio elettorale vengono nominati dalla Commissione Elettorale Comunale, individuando le persone dall'Albo comunale degli scrutatori
Come vengono nominati i Presidenti e i Segretari di Seggio elettorale
I Presidenti di seggio elettorale vengono nominati dalla Corte d'Appello di Bologna, individuando le persone dall'Albo comunale dei Presidenti di seggio. I Segretari di seggio elettorale vengono nominati direttamente dai Presidenti di seggio tra gli elettori del Comune aventi almeno il titolo di studio di scuola media superiore.
Voto degli elettori con problemi di salute
Gli elettori con problemi di salute possono ricorrere, a seconda dei casi, al voto assistito con accompagnatore o al voto domiciliare. Gli elettori ricoverati presso l'Ospedale o la Casa portetta C.I.S.A., possono esprimere il proprio voto presso tali strutture.
La propaganda elettorale
E’ necessario che, in occasione delle elezioni e Referendum, coloro che che concorrono alla campagna elettorale, agiscano nel rispetto dei principi che regolano la comune convivenza, senza porre in essere comportamenti prevaricatori degli altrui diritti. In merito è stato rilevato che la condizione di parità deve sussistere necessariamente tra tutti i concorrenti in modo che nell’accesso agli spazi loro riservati, non si verifichi la prevalenza di uno rispetto ad altri. L’attività dei concorrenti nelle consultazioni elettorali rientra nel concetto di “propaganda” regolata dalla legge n.212/1956 (propaganda mediante affissione), dagli artt.29 e 30 della legge n.81/1993 (propaganda disposta per le elezioni comunali e provinciali) e dalla legge n.28/2000 (propaganda tramite mezzi d’informazione).
Trasparenza e controllo nei partiti politici
La legge 9 gennaio 2019, n. 3, in vigore dal 31 gennaio 2019, ha introdotto misure in materia di contrasto ai reati contro la pubblica amministrazione, di prescrizione e di trasparenza dei partiti e dei movimenti politici e delle fondazioni, con particolare riferimento al loro finanziamento. La seconda parte del provvedimento, recante misure anticorruzione, contiene disposizioni in Per quanto riguarda i partiti politici, le nuove disposizioni sono volte a rafforzare gli obblighi di trasparenza sia in ordine ai contributi ricevuti, sia alla presentazione delle candidature.
Richieste di occupazione di suolo pubblico, o di sale pubbliche, per iniziative elettorali
Modulistica