Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

Registro comunale dei richiedenti asilo

Registro comunale dei richiedenti asilo
I cittadini stranieri con un permesso di soggiorno per richiesta di asilo provenienti dall'estero e che non possono essere iscritti nell'Anagrafe della Popolazione, possono richiedere di essere iscritti nel Registro Comunale dei Richiedenti Asilo

Con delibera del Consiglio Comunale n. 50 del 10 aprile 2019, è stato approvato l'istituzione del Registro Comunale dei richiedenti asilo e il relativo Regolamento, che entrano in vigore dal 26 aprile 2019.

Perchè è stato istituito il Registro Comunale dei richiedenti asilo?

Il recente decreto sicurezza, d.L. n. 113/2018, ha previsto che dal 4 ottobre 2018, contrariamente a quanto avveniva in precedenza, i cittadini stranieri in possesso di un permesso di soggiorno per richiesta di asilo, se provenienti dall'estero, non possano più essere iscritti nell'Anagrafe della Popolazione dei comuni italiani.

Lo stesso decreto ha previsto che comunque a questi cittadini sia riconosciuto l'accesso ai servizi previsti dal norme ed erogati a livello territoriale.

Tali servizi sono di norma erogati a tutti i cittadini, italiani e stranieri, iscritti nell'Anagrafe della Popolazione, ed esiste un sistema di certificazione e di scambio di informazioni tra Comuni ed Enti Pubblici, al fine di garantire che a tutti i cittadini iscritti in Anagrafe sia possibile garantire l'accesso a tali servizi, in primo luogo a quelli sanitari.

Per i cittadini stranieri con permesso di soggiorno per richiesta di asilo, tali servizi dovrebbero essere garantiti sulla base del domicilio dichiarato alle Questure al momento della richiesta del permesso di soggiorno; tale domicilio però, oltre a non essere riportato sul permesso di soggiorno, non viene certificato e non viene comunicato ad altri Enti Pubblici, pertanto i soggetti interessati, pur essendo titolari del diritto ad accedere a determinati servizi, potrebbero avere notevoli difficoltà a vederseli riconoscere.

Inoltre il domicilio, a differenza della residenza anagrafica, non è soggetto ad alcun tipo di controllo, pertanto potrebbe non esservi alcun reale legame territoriale tra il soggetto interessato e il domicilio dichiarato, con la possibile conseguenza che gli enti territoriali potrebbero riconoscere dei servizi a soggetti che con il territorio non hanno alcun reale legame.

Pertanto il Registro comunale è stato creato per cercare di affrontare tali problemi, in particolare:

  • consentire ai cittadini stranieri titolari di un permesso di soggiorno per richiesta di asilo, di accedere ai servizi previsti dalle norme e, in particolari, a quelli erogati a livello territoriale;
  • definire un domicilio che abbia un reale legame con il territorio.

Per consentire quanto previsto da quest’ultimo punto, il Regolamento prescrive che il domicilio dichiarato dal richiedente, debba essere sottoposto alle medesime verifiche previste per le richieste di iscrizione nell’Anagrafe della Popolazione, ovvero, accertamentopresso l’abitazione dichiarata da parte della Polizia Municipale e possesso di un titolo abitativo.

L’art.2 del Regolamento comunale prescrive, in particolare nei confronti dei Servizi erogati dal Comune, che le persone iscritte nel Registro godono degli stessi diritti previsti per i residenti.

Come richiedere l’iscrizione nel Registro comunale

L’iscrizione nel Registro può essere richiesta dai cittadini stranieri provenienti dall’estero in possesso di un permesso di soggiorno per richiesta di asilo, compilando l’apposito modulo e consegnandolo all’Ufficio Anagrafe del Comune di Mirandola.

L’Ufficio Anagrafe, una volta ricevuta la richiesta, avrà 45 giorni di tempo per effettuare i controlli sul domicilio dichiarato e al termine dei quali, qualora l’esito fosse positivo, il richiedente verrà iscritto nel Registro comunale.

Dell’avvenuta iscrizione verranno informati Prefettura e Questura, e gli uffici pubblici interessati all’erogazioni di servizi (AUSL, INPS, Ufficio dell’Impiego, Servizi dell’Unione dei Comuni); inoltre il cittadino straniero potrà ottenere un’attestazione di iscrizione che potrà presentare ai medesimi soggetti e a tutti coloro che erogano servizi a qualsiasi titolo.

Gli stranieri con permesso di soggiorno per richiesta di asilo già iscritti nell’Anagrafe della Popolazione di un Comune italiano prima del 4 ottobre 2018, e che chiedono il trasferimento nell’Anagrafe di altro Comune, potranno farlo regolarmente senza alcuna restrizione

Quando si verifica la cancellazione dal Registro comunale ?

L’iscrizione nel Registro comunale permarrà fino a quando non intervengano delle cause di cancellazione:

  1. morte;
  2. per iscrizione nell’Anagrafe della Popolazione del Comune di Mirandola o di altro Comune;
  3. dimora abituale in altro Comune;
  4. iscrizione nel Registro di altro Comune avente le medesime caratteristiche di quello previsto del Comune di Mirandola;
  5. espatrio;
  6. irreperibilità;
  7. mancato rinnovo del permesso di soggiorno;
  8. a seguito di un provvedimento di espulsione.

Gli iscritti nel registro saranno inoltre sottoposti ad una verifica periodica annuale rispetto alla loro effettiva domiciliazione sul territorio comunale e al possesso del permesso di soggiorno valido.

Gli iscritti nel registro non potranno ottenere, in nessun caso durante la loro iscrizione nel Registro comunale, sia certificati anagrafici e carta d’identità.

 

Trasparenza

Per ottenere informazioni sulla TRASPARENZA: norme e tempi dei procedimenti, privacy, accesso agli atti e stumenti di tutela per i cittadini - CLICCA QUI.