Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

REFERENDUM COSTITUZIONALE DEL 4 DICEMBRE 2016

E' stato pubblicato sulla G.U. n.227 del 28/09/2016, il decreto del Presidente della Repubblica in data 27 settembre 2016, con cui per la data del 4 dicembre 2016 è stato indetto un referendum popolare confermativo previsto dall’articolo 138 della Costituzione sulla legge costituzionale “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione” approvata dal Parlamento e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016.

Nella giornata di domenica del prossimo 4 dicembre 2016 si terrà un Referendum costituzionale.

I cittadini saranno chiamati a pronunciarsi per confermare o respingere la cosiddetta riforma Renzi-Boschi, contenuta nella legge costituzionale approvata dal Parlamento il 12 aprile 2016.

Il testo del quesito referendario sarà il seguente: «Approvate il testo della legge costituzionale concernente "disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del Cnel e la revisione del Titolo V della parte II della Costituzione", approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016?». Chi vorrà approvare il nuovo testo costituzionale dovrà votare "SI", chi vorrà respingere il nuovo testo costituzionale dovrà votare "NO".

Non essendo previsto un quorum di votanti, la riforma entrerà in vigore se il numero dei voti favorevoli sarà superiore al numero dei suffragi contrari, o non entrerà in vigore se il numero dei suffragi contrari sarà superiore al numero dei suffragi favorevoli, a prescindere dalla partecipazione al voto.

Sarà il 72º referendum svolto in Italia e si tratterà del terzo referendum costituzionale della storia della Repubblica Italiana dopo quello del 2001, quando vinse il «sì» con un'affluenza di circa il 34%, e quello del 2006, quando prevalse il «no» con una partecipazione del 52,5%.
Si potrà votare nella giornata di domenica 4 dicembre dalle ore 7:00 alle ore 23:00.

Come nel recente Referendum abrogativo del 17 aprile scorso, i cittadini di Mirandola potranno votare in 22 seggi sparsi sul territorio comunale: 10 presso le Scuole medie di via T.Nuvolari, 7 presso le Scuole elementari di via Giolitti, e nei seggi che saranno predisposti nelle frazioni di Tramuschio, Mortizzuolo, S.Maritno S., Gavello e Quarantoli (sul sito del Comune di Mirandola sono pubblicate le sedi dei seggi elettorali con l'indicazione delle vie i cui residenti ed elettori potranno recarvisi a votare).

Potranno altresì votare, previa richiesta alla Direzione sanitaria, tutti gli elettori che nella giornata del voto saranno ricoverati presso l'Ospedale di Mirandola.

Per esprimere il proprio voto sarà necessario presentarsi al seggio elettorale con un documento d'identità personale e con la propria Tessera elettorale. Si raccomanda pertanto sin d'ora di verificare il possesso della Tessera elettorale, e che i dati in essa riportata siano corretti, in particolare in relazione all'indirizzo di residenza e alla sede del seggio elettorale in cui poter recarsi a votare.

Se non si fosse in possesso della Tessera o i dati non fossero aggiornati, si prega di contattare all'Ufficio elettorale del Comune in via Giolitti n.22, tel. 053529505, email elettorale@comune.mirandola.mo.it., aperto martedì, mercoledì, giovedì e sabato dalle ore 8:30 alle ore 12:50 e il giovedì pomeriggio dalle ore 15:00 alle ore 17:30 (tel. 053529505, email elettorale@comune.mirandola.mo.it), da LUNEDI' 28 NOVEMBRE 2016.

Sarà inoltre possibile richiedere il rilascio del duplicato della Tessera elettorale o il suo aggiornamento, e il rilascio della carta d'identità scaduta, venerdì 2 e sabato 3 dicembre dalle ore 8:30 alle ore 18:00, e domenica 4 dicembre, giorno del voto, dalle ore 7:00 alle ore 23:00.

Sul sito della Camera dei Deputati, è possibile leggere il testo vigente della carta costituzionale posto a confronto con il testo modificato.