Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

Agevolazioni tariffarie per i viaggi degli elettori

In vista del referendum istituzionale del 4 dicembre prossimo, come di consueto per ogni chiamata alle urne il ministero dell'Interno ha previsto una serie di agevolazioni tariffarie per gli elettori che si metteranno in viaggio verso i propri Comuni d'iscrizione.

Viaggi in terno

Lo sconto previsto da Trenitalia per gli elettori residenti in Italia è del 60% del prezzo del biglietto sui convogli regionali e del 70% del prezzo base per i treni di media-lunga percorrenza nazionale (Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca, Intercity, IntercityNotte e Espressi) e per il servizio cuccette.

Per i residenti all'estero, invece, c'è la riduzione del 70% della tariffa relativa al percorso Trenitalia.

Il viaggio di andata può essere effettuato a partire dal 25 novembre, cioè dieci giorni prima del Referendum, mentre l'ultimo treno per tornare a casa può essere preso entro le 24 del 14 dicembre, cioè il decimo giorno successivo a quello della votazione (quest'ultimo escluso).

Per i residenti all'estero, invece, è prevista la tariffa Italian Elector (viaggi internazionali da/per l'Italia). Ma attenzione, perché i biglietti per i treni a media e lunga percorrenza nazionale e quelli a tariffa Italian Elector sono validi solo per il treno e il giorno prenotati, mentre la "vecchia" convalida prima della partenza è necessaria per i treni regionali.

In questo caso il viaggio di andata può essere effettuato al massimo un mese prima del giorno di apertura del seggio elettorale e quello di ritorno entro un mese dal giorno di chiusura. In ogni caso il viaggio di andata deve essere completato entro l'orario di chiusura delle operazioni di votazione e quello di ritorno non può avere inizio se non dopo l'apertura del seggio.

Per avere gli sconti gli elettori dovranno esibire a biglietterie e agenzie di viaggio autorizzate:

  • documento di identità;
  • documento/tessera elettorale;
  • timbratura tessera elettorale che attesti l'avvenuta votazione, per il viaggio di ritorno.


Questi documenti vanno presentati al personale di bordo insieme ai biglietti di andata e ritorno.

Chi non ha la tessera elettorale per ottenere la riduzione dovrà presentare in biglietteria una dichiarazione sostitutiva per il viaggio di andata, mentre al ritorno l'elettore dovrà esibire anche la tessera elettorale regolarmente vidimata, oltre ai biglietti, oppure una dichiarazione rilasciata dal presidente del seggio elettorale che attesti l'avvenuta votazione.

La società Nuovo Trasporto Viaggiatori applicherà una riduzione a favore degli elettori pari al 60% del prezzo del biglietto. Il biglietto di mandata e ritorno andrà acquistato entro il 13 dicembre in Flex o Economy, per viaggiare dal 25 novembre al 13 dicembre in ambiente Smart e Comfort chiamando Pronto Italo allo 060708.

Le regole sui documenti sono le stese descritte per Trenitalia.

La società Trenord, operante solo in Lombardia, ridurrà del 60% le tariffe regionali.

Viaggi in nave

La Compagnia Italiana di Navigazione, che effettua il servizio pubblico di collegamento con Sardegna, Sicilia e isole Tremiti ha già ricevuto le direttive dal ministero delle Infrastrutture e dei trasporti per applicare nel territorio nazionale e negli scali marittimi di propria competenza le agevolazioni a favore degli elettori residenti in Italia e all'estero: ai biglietti sarà applicata di norma una riduzione del 60% sulla tariffa ordinaria.

Viaggi in aereo

Alitalia offre sconti di 40 euro sul prezzo del biglietto di andata e ritorno sui propri voli nazionali, a eccezione di quelli a regime di continuità territoriale e dei voli in code share.

Viaggi in auto

Per chi viaggia in automobile, infine, l'Associazione italiana società concessionarie autostrade e trafori (Aiscat) ha comunicato che il pedaggio sarà gratuito, sia all'andata che al ritorno, per i soli elettori residenti all'estero. Tale agevolazione «verrà accordata secondo le consuete modalità, su tutta la rete nazionale, con esclusione delle autostrade controllate con sistema di esazione di tipo "aperto", sia per il viaggio di raggiungimento del seggio sia per quello di ritorno».