Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

Autentica di firma

E' l'attestazione effettuata da un pubblico ufficiale che la firma posta in calce ad un documento è stata fatta da quella persona. Con l'entrata in vigore del D.P.R. n. 445/2000 non è più prevista l'autentica di firma su documenti rivolti agli Enti Pubblici.

Chi può richiederla

Tutti i maggiorenni

Come e quando richiederla

Direttamente presso i nostri sportelli nei giorni ed orari di apertura al pubblico. Può essere richiesta solo se il documento è una istanza, una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notarietà o una delega al ritiro di emolumenti economici della Pubblica amministrazione (pensioni). L' autentica di firma per deleghe, autorizzazioni, procure, mandati sono di competenza del notaio o di altri pubblici ufficiali e non del Funzionario Incaricato dal Sindaco. La firma deve essere effettuata dall'interessato davanti al pubblico ufficiale che deve autenticarla. Nei casi di soggetti impossibilitati a firmare per motivi diversi occorre contattare direttamente il Servizio Anagrafe per ottenere informazioni volte a risolvere i casi specifici. Tali procedure, relative a persone che non possono sottoscrivere la dichiarazione, non sono consentite in materia di dichiarazioni fiscali.

Costi e validità

L' autentica è soggetta all'imposta di bollo (Euro 16,00) e ai diritti di segreteria (Euro 0,52), a meno che non sia prevista l'esenzione da una norma di legge, che deve essere espressamente dichiarata dall'interessato/a all'atto della sottoscrizione. Le autentiche di sottoscrizione per i rinnovi dei collegi degli ordini professionali (art.3, c.7, d.P.R. n.169/2005), sono soggette al pagamento dell'imposta di bollo e dei dirtti di segreteria (parere dell'Agenzia delle Entrate n.909-556/2013).