Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

Gas tossici - patente di abilitazione

Rilascio, Revisione, Revoca della patente di abilitazione all'impiego di gas tossico

Rilascio, Revisione, Revoca della Patente di abilitazione all’impiego di gas tossico

E' un patentino di abilitazione, obbligatorio per tutti gli operatori che impiegano gas tossici nell'esercizio della propria attività lavorativa.

Con cadenza semestrale il Comune pubblica sul proprio sito all’Albo pretorio OnLine un bando per la partecipazione alla sessione (primaverile o autunnale) di esami di abilitazione per l’impiego di gas tossici.

La richiesta di partecipazione alla sessione di esami, riservata ai soli cittadini residenti, deve essere redatta utilizzando il modulo Abilitazione per l'impiego di gas tossici , ed inoltrata al Protocollo del Comune di Mirandola, unitamente a n. 2 foto formato tessera, non anteriori a sei mesi, realizzate tenendo conto delle indicazioni per ottenere una corretta immagine.

Il Servizio Interventi Economici, titolare del procedimento, verificata la completezza e congruità della istanza, trasmette l’elenco dei partecipanti alla Commissione regionale gas tossici, la quale provvederà a comunicare agli interessati, tramite il Comune stesso, la data dell’esame.

Gli esami sono tenuti presso il Servizio Igiene Pubblica  dell’Azienda U.s.l. di Bologna in via Gramsci, 12. Al termine dell’esame, la Commissione esprime al Comune un formale parere di idoneità del candidato a custodire, conservare, trasportare, utilizzare gas tossici.

In seguito all'esito favorevole dell’esame, il Comune, entro gg.30 dal ricevimento del parere, procede al rilascio della patente di abilitazione.

La patente per l’abilitazione all’uso di gas tossici, rilasciata dal Comune, ha una validità di 5 anni. Entro tale termine deve essere effettuata la procedura di revisione, utilizzando il modulo Domanda revisione patente  in caso contrario la validità della patente decade automaticamente e l’interessato deve affrontare un nuovo iter di abilitazione. La procedura di revisione non prevede il sostegno di alcun esame, ma soltanto l’accertamento da parte del Comune del mantenimento dei requisiti di idoneità morale e di residenza.

In caso di rinuncia volontaria, occorre farne comunicazione scritta al Comune, utilizzando il moduloComunicazione di rinuncia alla patente e restituendo, in allegato, l’originale del documento di abilitazione. Il Servizio Interventi economici procederà all’archiviazione della pratica.